Presentazione delle domande on-line

A partire dal 28 gennaio 2016, la presentazione delle domande di aiuto e pagamento del PSR avviene esclusivamente on-line tramite l'applicativo PSR Domande, mediante il quale è possibile compilare e trasmettere la domanda direttamente dal proprio computer. Tutti i documenti (domanda e allegati) devono pertanto essere formati su supporto digitale, anche nel caso in cui gli originali siano cartacei.

A differenza di quanto accadeva in passato, infatti, l'utente non deve consegnare l'originale cartaceo dei documenti (domanda e allegati), bensì deve caricarli in formato digitale nell'applicativo PSR Domande attraverso l'apposita funzionalità di caricamento dei file (UPLOAD).

L'applicativo PSR consente la generazione del documento informatico della domanda di aiuto o pagamento, che può essere alternativamente:

  • sottoscritta con firma digitale;
  • sottoscritta con firma autografa, previa stampa su supporto cartaceo (e poi scansionata);
  • sottoscritta con firma grafometrica.

Ulteriori informazioni sulla procedura informatica per la presentazione telematica delle domande sono disponibili nel Manuale per la presentazione delle domande on-line (link a fondo pagina).


Caricamento dei file

Per evitare problemi nel caricamento dei documenti in formato digitale nell'applicativo PSR Domande è necessario:

  • usare solo formati di file conformi;
  • creare file di dimensioni inferiori a 5 Mb;
  • fare scansioni in bianco/nero dei documenti cartacei;
  • non utilizzare caratteri speciali per nominare i file;
  • salvare nel desktop del computer i file da caricare.

Formati di file conformi

Sono accettati i seguenti formati di file conformi alle regole tecniche del Codice dell'amministrazione digitale:

  • PDF, PDF/A, P7M, ODT, ODS, JPG, TIF, PNG, XML, TXT, CSV, SVG, DXF, DWF.

È comunque preferibile utilizzare più possibile il formato PDF.

Non sono accettati i file nei formati Microsoft Office (DOC, XLS, ecc.) e Office Open XML (DOCX, XLSX, ecc.), né i file compressi (ZIP, RAR, 7Z, CAB, TAR e simili), anche se contengono documenti in formati conformi.


Dimensioni dei file

L'applicativo PSR Domande consente di caricare solo file che hanno una dimensione massima di 5 Mb (5.000 Kb), quindi per evitare problemi di caricamento dei documenti digitali (domanda e allegati) i relativi file non devono essere "pesare" più di 5 Mb.

Se si tratta di documenti di testo, fogli di calcolo o presentazioni creati al computer e contenenti fotografie, grafici e disegni è necessario ridurne le dimensioni seguendo queste indicazioni:

  • verificare e, se necessario, ridurre con apposito software la dimensione (misurata in pixel) e la risoluzione (misurata in dpi, cioè in punti/pollice) di ciascun oggetto (fotografia, grafico, disegno) prima di inserirlo nel documento;
  • esportare i documenti in formato PDF, impostando le opzioni di salvataggio in modo che i file risultino di dimensioni inferiori a 5 Mb, ma di buona qualità;
  • se il file così ottenuto supera la dimensione massima di 5 Mb è necessario ottimizzarlo utilizzando l'apposito software.

Se invece si tratta di documenti digitali ottenuti mediante scansione di originali cartacei è necessario produrre file di dimensioni ridotte, preferibilmente in formato PDF, seguendo queste indicazioni:

  • impostare lo scanner in modalità bianco/nero con una risoluzione massima di 200 dpi (punti/pollice);
  • effettuare esclusivamente scansioni in modalità bianco/nero: non effettuare scansioni a colori (anche se il documento originale è a colori), né in scala di grigio.

Caratteri speciali

Non utilizzare i seguenti caratteri speciali per nominare i file (domanda e allegati) da caricare nell'applicativo PSR Domande:

  • lettere accentate (è, é, à, ò, ì, ù, ecc.)
  • ' (apice)
  • " (doppio apice)
  • ° (simbolo dei gradi)
  • & ("e" commerciale)
  • < (minore)
  • > (maggiore)

Sottoscrizione della domanda

Una volta compilata tramite l'applicativo PSR Domande, la domanda deve essere sottoscritta dal beneficiario (o da persona diversa, purché legittimata a sottoscriverla) con firma autografa apposta sull'originale cartaceo oppure con firma digitale apposta sull'originale informatico.

Se il firmatario dispone di un dispositivo di firma digitale, deve salvare il file PDF della domanda, sottoscriverlo con la propria firma digitale e caricare nell'applicativo PSR Domande il file P7M della domanda firmata e i file dei relativi allegati (non è necessario che gli allegati siano sottoscritti con firma digitale).

Se invece il firmatario non dispone di un dispositivo di firma digitale, deve stampare la domanda su carta, sottoscriverla con firma autografa, farne la scansione in bianco/nero (preferibilmente in formato PDF) e caricarla nell'applicativo PSR Domande, unitamente alla copia (scansione) di un proprio documento di identità valido.

Qualora il firmatario della domanda non coincida con il rappresentate legale del beneficiario indicato nel fascicolo aziendale, ma abbia comunque titolo a sottoscrivere istanze in luogo del beneficiario, prima di confermare la domanda è necessario indicare i dati del firmatario nel quadro denominato "FIRMATARIO".


Software

La maggior parte dei software per ufficio (Microsoft Office, LibreOffice, Apple iWorks, ecc.) dispone di funzionalità integrate per l'esportazione dei documenti in formato PDF. In alternativa è possibile utilizzare un software per la "stampa PDF" dei documenti, ad esempio:

È possibile modificare la struttura (non il contenuto) dei documenti PDF, cioè unire più file PDF, separare un file PDF in più documenti, estrarre singole pagine di un documento PDF, riordinare le pagine di un documento, ecc., utilizzando un apposito software, ad esempio:

È possibile ridurre le dimensioni di un file PDF esistente utilizzando un apposito software, ad esempio:

oppure uno dei vari servizi gratuiti disponibili on-line, ad esempio:

Molti sistemi operativi (ad es. Microsoft Windows, Apple OS X) contengono già "di serie" software per l'elaborazione, la modifica, la conversione di formato, la riduzione di "peso" e dimensioni delle immagini. In alternativa, sono disponibili in rete vari software gratuiti che consentono di effettuare le stesse operazioni, ad esempio:


Nota: tutte le indicazioni relative al software si intendono effettuate a titolo puramente esemplificativo e fanno riferimento esclusivamente ad applicazioni open source e/o disponibili gratuitamente in rete.


Informazioni
Lisa Burlinetto
sviluppo.rurale@avepa.it

Pubblicato il: 16.02.2016  -  Ultima modifica: 17.06.2016
Condividi questa pagina:
segnala errore torna su stampa invia e-mail