Condizionalità

La condizionalità identifica una serie di impegni derivanti da norme in materia ambientale, di sicurezza alimentare, di salute animale e vegetale, di benessere degli animali e di buone condizioni agronomiche e ambientali. Tali impegni devono essere rispettati dagli agricoltori che beneficiano del sostegno previsto nell'ambito di:

  • pagamenti diretti ai sensi del regolamento (UE) n. 1307/2013 (es.: domanda unica);
  • Programma di sviluppo rurale (PSR) del Veneto ai sensi del regolamento (UE) n. 1305/2013 relativamente alle misure agroambientali;
  • OCM vino ai sensi del regolamento (UE) n. 1308/2013 (ristrutturazione e riconversione dei vigneti, premi per l'estirpazione dei vigneti e sostegno per la vendemmia verde).

Gli impegni di condizionalità sono suddivisi in:

  • criteri di gestione obbligatori (CGO), che consistono in atti derivanti dall'applicazione di disposizioni comunitarie in materia di ambiente, di sicurezza alimentare, di salute animale e vegetale e di benessere degli animali;
  • buone condizioni agronomiche ed ambientali (BCAA) che consistono in una serie di "vincoli" (norme e standard) finalizzati al raggiungimento di obiettivi comunitari in materia ambientale e in particolare per evitare l'erosione del suolo, mantenere i livelli di sostanza organica del suolo, proteggere la struttura del suolo, assicurare un livello minimo di mantenimento del terreno e dell'ecosistema ed evitare il loro deterioramento, proteggere e gestire le risorse idriche, mantenere gli elementi caratteristici del paesaggio

Nei seguenti regolamenti è contenuta la normativa comunitaria di riferimento:

  • regolamento (UE) n. 1306 del 17.12.2013 comune sul finanziamento, sulla gestione e sul monitoraggio della politica agricola comune;
  • regolamento (UE) n. 640 del 11.03.2014 che integra il regolamento (UE) 1306/2013;
  • regolamento (UE) n. 809 del 17.07.2014 recante modalità di applicazione del regolamento (UE) n. 1306/2013.

L'applicazione delle disposizioni comunitarie è disciplinata con decreto del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (MIPAAF) n. 180 del 23 gennaio 2015, con circolare dell'AGEA Coordinamento e con deliberazione dalla Regione del Veneto n. 612 del 21 aprile 2015.

Elenco degli impegni CGO:

  • CGO 1  protezione delle acque dall'inquinamento provocato da nitrati provenienti da fonti agricole
  • CGO 2  conservazione degli uccelli selvatici
  • CGO 3  conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e fauna selvatiche
  • CGO 4  sicurezza alimentare
  • CGO 5  divieto di utilizzazione di talune sostanze ormoniche nelle produzioni animali
  • CGO 6  identificazione e registrazione dei suini
  • CGO 7  identificazione e registrazione dei bovini
  • CGO 8  identificazione e registrazione degli ovini e dei caprini
  • CGO 9  prevenzione , eradicazione e controllo di alcune encefalopatie spongiformi trasmissibili
  • CGO 10  immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari
  • CGO 11  norme minime per la protezione dei vitelli
  • CGO 12  norme minime per la protezione dei suini
  • CGO 13  norme minime per la protezione degli animali negli allevamenti

Elenco degli impegni BCAA:

  • BCAA 1  introduzione di fasce tampone lungo i corsi d'acqua
  • BCAA 2  rispetto delle procedure di autorizzazione per l'utilizzo delle acque irrigue
  • BCAA 3  protezione delle acque sotterranee dall'inquinamento
  • BCAA 4  copertura minima del suolo
  • BCAA 5  gestione minima delle terre che rispetti le condizioni locali per limitare l'erosione
  • BCAA 6  mantenimento dei livelli di sostanza organica nel suolo
  • BCAA 7  mantenimento degli elementi caratteristici del paesaggio
  • BCAA 8  mantenimento del pascolo permanente

Informazioni
Franco De Marchi
tel. 049 7708752
condizionalita@avepa.it

Pubblicato il: 18.03.2014  -  Ultima modifica: 27.07.2016
Condividi questa pagina:
segnala errore torna su stampa invia e-mail