Misura 10

Pagamenti agro-climatico-ambientali

La Misura risponde ai fabbisogni ambientali emersi nella fase di analisi e agli obiettivi agroclimatico e ambientali derivanti dalla Strategia "Europa 2020". La Misura comprende interventi e impegni che contribuiscono in modo diversificato ed articolato al raggiungimento e delle priorità dell'UE in materia di sviluppo rurale

 

Bandi aperti: DGR 2175/2016 (intervento 10.2.1)

Scadenza: 11 aprile 2017


Tipi di interventi

10.1.2 Ottimizzazione ambientale delle tecniche agronomiche ed irrigue

L'intervento sostiene l'adozione di tecniche colturali e soluzioni irrigue che rispondono agli obiettivi ambientali di adattamento al cambiamento climatico, mantenimento e raggiungimento di uno stato qualitativo "buono" dei corpi idrici superficiali e di riqualificazione paesaggistica delle aree agricole. L'intervento propone un articolato insieme di impegni con l'obiettivo di ridurre gli impatti originati sulla risorsa acqua dalle pratiche agricole intensive relative alle colture seminative.

10.1.3 Gestione attiva di infrastrutture verdi

L'intervento sostiene la gestione attiva di "infrastrutture verdi" (fasce tampone, siepi e boschetti, fasce inerbite e canali erbosi) con connessa fascia erbacea di rispetto. Lo scopo è migliorare la qualità delle acque, potenziare le connessioni ecologiche e sostenere la biodiversità in aree agricole a gestione tipicamente intensiva, ridurre i fenomeni di erosione superficiale ed aumentare la capacità di fissazione della CO2 atmosferica e il suo immagazzinamento nel suolo, nonché riqualificare i paesaggi agrari semplificati..

10.1.4 Gestione sostenibile di prati, prati semi-naturali, pascoli e prati-pascolo

L'intervento sostiene il recupero e il mantenimento delle superfici investite a prati stabili, prati-pascoli, pascoli in zone montane con finalità produttiva, ambientale e paesaggistica. Tali aree, subendo spesso fenomeni di scarsa o eccessiva utilizzazione e concimazione, possono essere soggette a perdita di valore naturalistico riguardo alle specie vegetali presenti, o subire fenomeni di degrado per il mancato utilizzo delle superfici a prato e a pascolo. L'azzeramento degli input di origine chimica in tutte le tre azioni qui proposte riveste un ruolo essenziale per la salvaguardia della qualità dei corpi idrici.

10.1.6 Tutela ed incremento degli habitat seminaturali

L'intervento sostiene l'aumento della complessità ecosistemica e paesaggistica e il ripristino di condizioni di naturalità diffusa, attraverso la conservazione di prati umidi e la semina di colture a perdere. Inoltre, con l'azione di conversione a prato delle superfici seminative si intende concorrere al miglioramento della qualità delle acque superficiali e sotterranee.


Informazioni
Stefano Bassi
tel. 049 7708767
interventi.strutturali@avepa.it

Pubblicato il: 17.01.2017  -  Ultima modifica: 09.10.2018
Condividi questa pagina:
segnala errore torna su stampa invia e-mail