Attività produttive - OCDPC n. 385/2016

Con ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 385 del 16 agosto 2016 sono state dettate disposizioni operative per l'attivazione dell'istruttoria finalizzata alla concessione di contributi a favore di soggetti privati e attività economiche e produttive, relativamente agli eventi calamitosi verificatisi nel territorio della Regione del Veneto con particolare riferimento ai seguenti gli eventi:

  • 16 maggio - 24 maggio 2013 (OCDPC  n. 131 del 26.11.2013)  - attivo (Nota prot. n. 373069 del 6 settembre 2017).
  • 30 gennaio -18 febbraio 2014 (OCDPC n. 170 del 13.06.2014) - scaduto
  • 8 luglio 2015 (OCDPC n. 274 del 30.07.2015) - scaduto
  • 4 agosto 2015 (OCDPC n. 278 del 17.08.2015) - scaduto

Avviso per i comuni

I Comuni interessati devono affiggere all'Albo comunale l'avviso pubblico di apertura dei termini per la presentazione della domanda di contributo  Avviso pubblico evento 16-24 maggio 2013

Provvedimenti:

  • Nota della Struttura di Progetto "Gestione Post Emergenze connesse ad Eventi Calamitosi" - Area tutela Sviluppo del Territorio -  della Regione del Veneto n. 373069 del 06 settembre 2017
  • Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile n. 385 del 16 agosto 2016 
  • Delibera del Consiglio dei ministri del 28 luglio 2016

Modalità presentazione delle domande

Le imprese esercitanti attività economiche e produttive diverse dalle agricole, ricadenti nei territori individuati dall'Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile n. 385/2016, possono presentare domanda per ottenere gli indennizzi entro il termine perentorio del 16 ottobre 2017, per i danni subiti a causa di eventi calamitosi anno 2013 già segnalati ai comuni con le schede C.

Nella sezione documenti è presente l'elenco delle aziende che hanno segnalato i danni "evento 2013" con la scheda C

Il modello della domanda di indennizzo è disponibile nella sezione Modulistica.

Le domande compilate in ogni loro parte e complete della relativa documentazione dovranno essere presentate ad AVEPA allo Sportello unico agricolo (SUA) competente per territorio (Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza) in relazione ai Comuni interessati dagli eventi emergenziali e alla localizzazione della struttura danneggiata

La presentazione delle domande compilate in ogni loro parte e complete della relativa documentazione dovrà essere effettuata, pena la non ricevibilità delle domande stesse, utilizzando, in alternativa, una delle modalità di seguito riportate:

  • consegna a mano presso gli Sportelli (in tal caso la documentazione deve pervenire entro e non oltre le ore 13:00 di lunedì 16 ottobre 2017);
  • invio a mezzo raccomandata A/R (in tal caso farà fede la data del timbro postale);
  • invio tramite PEC, entro le ore 23:59, all'indirizzo di posta elettronica certificata dello Sportello unico agricolo (SUA) competente per territorio. Attenzione: la trasmissione tramite PEC delle domande di indennizzo è ritenuta valida e rilevante ai fini amministrativi esclusivamente se la domanda e tutta la relativa documentazione allegata è sottoscritta con firma digitale e riporta l'indicazione che l'imposta di bollo è stata assolta in modo virtuale in virtù di apposita autorizzazione ottenuta dall'Agenzia delle Entrate.

 


Informazioni
Marco Trevisan
tel. 049 7708205
marco.trevisan@avepa.it
Matteo Salmin
tel. 049 7708241
matteo.salmin@avepa.it
Pubblicato il: 30.12.2016  -  Ultima modifica: 10.10.2017
Condividi questa pagina:
segnala errore torna su stampa invia e-mail