Strumenti finanziari

INTERVENTO REGIONALE PER IL CREDITO DI ESERCIZIO A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE DEL VENETO MEDIANTE LA CONCESSIONE DI UN AIUTO DE MINIMIS SOTTOFORMA DI CONCORSO SUGLI INTERESSI

CAMPAGNA AGRARIA 2022 - 2023

DGR n. 1413 dell'11/11/2022 - L.R. 7 agosto 2009 n. 16, articolo 2

L'aumento dei prezzi dei fattori di produzione, in particolare energia, concimi e mangimi, determinati dagli eventi bellici in Ucraina, ha provocato perturbazioni economiche anche nel settore agricolo e determina problemi di liquidità per le imprese agricole impegnate nella produzione primaria e nella trasformazione dei prodotti agricoli.

Con questo intervento, la Giunta Regionale ha inteso fornire uno strumento agevolativo a favore delle imprese agricole, volto ad attivare un meccanismo di credito agevolato che supporti l'azienda nella gestione ordinaria della propria attività economica.

Inoltre, le analisi rese disponibili a luglio 2022 dai principali osservatori nazionali evidenziano un impatto generale della crisi bellica su tutto il comparto agricolo e, in particolare, sui costi di produzione delle materie prime utilizzate per l'alimentazione animale. In forza di ciò, nell'erogazione dell'aiuto viene data priorità alle imprese agricole che operano nel settore dei seminativi e delle colture foraggere.

Il bando approvato con la DGR n.1413 dell'11/11/2022 prevede, difatti, la concessione di contributi in conto interessi sui prestiti a breve termine contratti dalle imprese agricole venete per le necessità legate all'anticipazione delle spese per il completamento del ciclo produttivo-colturale fino alla vendita dei prodotti.

Lo stanziamento per l'intervento è quantificato in euro 900.000,00.

L'aiuto è erogato sottoforma di aiuto de minimis di cui al Reg. (UE) n. 1408/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 relativo all'applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea agli aiuti «de minimis» nel settore agricolo.

I beneficiari sono le imprese attive nella produzione primaria di prodotti agricoli, condotte da imprenditore agricolo iscritto alla gestione previdenziale agricola INPS in qualità di coltivatore diretto o di imprenditore agricolo professionale (IAP) e in regola con i relativi versamenti.

Le imprese beneficiarie, inoltre, devono avere sede in Veneto e dimensioni economiche pari ad almeno 12.000 euro di Produzione Standard totale in zona montana e ad almeno 15.000 euro di Produzione Standard totale nelle altre zone e con preferenza alle aziende agricole gestite da giovani agricoltori.

L'agevolazione è concessa su prestiti a breve termine (durata massima di 12 mesi) che abbiano un importo minimo di 10.000 euro per azienda e un importo massimo non superiore a quello determinato in modo forfetario mediante un calcolo di tipo sintetico parametrato sulla Produzione Standard. Inoltre, il contratto con l'istituto bancario dovrà essere stato sottoscritto in data successiva al 11/11/2022.

Il contributo, erogato sotto forma di concorso sugli interessi, non può essere superiore a 2.500 euro e, in ogni caso, non può superare l'ammontare degli interessi richiesti dalla banca per il prestito.

Ai fini della presente azione agevolativa, il contributo massimo è calcolato al tasso di riferimento per il credito di esercizio fino a dodici mesi in vigore alla data di pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto, incrementato, al massimo, di 0,5 punti percentuali.

Il termine per presentare le domande di aiuto, precedentemente fissato per lunedì 19 dicembre 2022, è stato prorogato a martedì 17 gennaio 2023, alle ore 23:59:59.  Le domande dovranno essere presentate in modalità informatica tramite l'applicativo DOMANDE PSR al quale si accede dalla sezione "Applicativi".

Il cod. modulo per l'attribuzione della delega in GUARD e per l'apertura della Domanda di aiuto è PRE-PRESTITI DI CONDUZIONE e il cod. bando di riferimento è il 1121 - DGR 1413 del 11/11/2022.


BANDO REGIONALE PER LA CAPITALIZZAZIONE DEI FONDI DI MUTUALIZZAZIONE PER LE FITOPATIE DELLA VITE

DGR n.1361 del 02/11/2022 - DGR 19 luglio 2022 n. 877. L.R. 15 dicembre 2021, n. 34 articolo 12

È disponibile il modulo informatico per la presentazione delle domande di aiuto per l'erogazione di un contributo pubblico finalizzato ad incrementare le disponibilità finanziarie dei fondi di mutualizzazione delle fitopatie della vite a favore dei soggetti gestori dei fondi riconosciuti dal MIPAAF, in attuazione di quanto previsto dalla DGR n. 877/2022.

Il termine per presentare le domande di aiuto è fissato al 30 dicembre 2022 alle ore 23:59:59. Le domande dovranno essere presentate in modalità informatica tramite l'applicativo DOMANDE PSR al quale si accede dalla sezione "Applicativi".

Il cod. modulo per l'attribuzione della delega in GUARD e per l'apertura della Domanda di aiuto è FMUTV/0 - Azione 0 - CAPITALIZZAZIONE DEI FONDI DI MUTUALIZZAZIONE PER FITOPATIE DELLA VITE.

Il cod. bando di riferimento è il 1130 - DGR n. 1361 del 02 novembre 2022.

L'iniziativa regionale si rivolge agli Enti gestori di fondi di mutualizzazione che, alla data di presentazione della domanda:

  • siano in possesso di decreto di riconoscimento rilasciato dal MIPAAF ai sensi del DM n. 10518/2016 e s.m.i.;
  • che tra gli aderenti abbiano aziende agricole con sede legale in Veneto;
  • che, per l'anno 2022, abbiano attivato un fondo di mutualizzazione per le fitopatie della vite.

Ulteriori specifici requisiti sono dettagliati nel bando.

Lo stanziamento per il presente bando è quantificato in euro 100.000,00.

L'aiuto può coprire fino al 70% degli indennizzi erogati dal soggetto gestore agli agricoltori per i danni subiti alla produzione. L'aiuto sarà ripartito tra i vari enti gestori, ammessi a seguito dell'istruttoria, in modo proporzionale all'importo compensativo concesso da ciascun ente gestore alle imprese agricole, con sede legale in Veneto, aderenti al fondo di mutualizzazione per le fitopatie della vite.

I termini per la realizzazione dell'intervento inteso come liquidazione da parte del soggetto gestore degli indennizzi a favore degli agricoltori, a valere sul capitale del fondo, per danni subiti alla produzione, sono di 12 mesi a decorrere dalla data di pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Veneto (BURV) del decreto di concessione dell'aiuto da parte di AVEPA.

Essendo il beneficiario finale impresa agricola, in quanto il capitale del fondo di mutualizzazione è destinato a compensare i danni alla produzione causati dalle fitopatie della vite, l'aiuto è erogato nel rispetto di quanto previsto dal Regolamento UE n. 1408/2013 relativo all'applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea agli aiuti «de minimis» nel settore agricolo.

Per ulteriori dettagli, si rimanda al bando scaricabile al link  Dettaglio Deliberazione della Giunta Regionale - Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto


CONFIDI

Programma regionale di intervento per la concessione di contributi a favore delle imprese agricole finalizzati al pagamento delle commissioni previste per le operazioni di garanzia prestate dai Consorzi di garanzia collettiva fidi (Confidi).

È stato approvato il bando di apertura termini del Programma regionale di intervento per la concessione di contributi a favore delle imprese agricole finalizzati al pagamento delle commissioni previste per le operazioni di garanzia prestate dai Consorzi di garanzia collettiva fidi "Confidi" (DGR n. 1020 del 17 luglio 2018).

Il bando introduce un nuovo intervento finalizzato a favorire le azioni di credito nei confronti delle imprese agricole.
L'entità massima di tale contributo è pari a 2.500,00 euro aumentabili fino al 20 per cento (3.000,00) nel caso di imprese condotte da soggetti di età non superiore a 40 anni o da donne.

Il bando, presumibilmente, verrà pubblicato sul BUR di venerdì 24 agosto p.v. e pertanto i moduli saranno aperti dalle ore 00:00:01 del giorno successivo.

La peculiarità di questo bando riguarda il fatto che a seconda del tipo di intervento, per il quale si chiede il finanziamento e che a sua volta si ottiene il contributo, cambia il regolamento "de minimis" al quale si deve sottostare.

Nello specifico se gli interventi riguardano investimenti per interventi sulla produzione primaria (ad esempio trattore, sala mungitura, atomizzatore, etc.) o il Credito di esercizio, il regolamento "de minimis" è il Reg. (UE) n. 1408/2013.

Se invece gli interventi riguardano investimenti per la commercializzazione e/o trasformazione dei prodotti agricoli (ad esempi: attrezzature per la vinificazione, per la macinazione, sala macellazione etc.) il regolamento "de minimis" è il Reg. (UE) n. 1407/2013.

Per questo motivo sono stati creati due moduli:

  • interventi sulla produzione primaria e il Credito di esercizio denominato FIDIP
  • investimenti per interventi sulla commercializzazione e/o trasformazione dei prodotti agricoli denominato FIDIT.

Si consiglia di fare attenzione al modulo richiesto nell'applicativo GUARD che successivamente andrà inserito nell'applicativo PSR domanda.

Nel caso in cui un'azienda chieda il prestito per investimenti su tutti e due i tipi di aiuti succitati (es. Atomizzatore e pigiatrice) dovrà compilare due domande diverse una FIDIP (atomizzatore) e una FIDIT (pigiatrice).

Per avere la certezza che il modulo compilato sia corretto nel quadro "DATI SPECIFICI" nel rigo "Garanzia su prestito acceso per:" dovrete indicare nuovamente quali sono gli interventi per i quali avete chiesto il finanziamento.

 

Codice modulo           Tipo intervento                                                                  Regolamento "de minimis"          
Fidit Commercializzazione e/o trasformazione dei prodotti agricoli   1407/2013
Fidip Interventi sulla produzione primaria 1408/2013
Fidip Credito di esercizio 1408/2013

 

Precisazioni

  • Nel quadro "interventi" nella colonna "Spesa" dovrà essere indicato la quota parte del prestito per il quale si chiede la garanzia.
  • Nel quadro "dati specifici" nel rigo "Importo complessivo del prestito" dovrà essere indicato l'ammontare complessivo del prestito.
  • Ancora, nel quadro "dati specifici", nel rigo "Durata del prestito" dovranno essere indicati i mesi della durata della garanzia.
     

Informazioni

Stefano Bassi
tel. 049 7708767
stefano.bassi@avepa.it
 

 

Pubblicato il: 09.08.2018  -  Ultima modifica: 11.01.2023
Condividi questa pagina:
segnala errore torna su stampa invia e-mail