La fatturazione elettronica verso AVEPA

Informazioni utili per l'emissione della fattura elettronica

Il decreto ministeriale 3 aprile 2013, n. 55 (entrato in vigore il 6 giugno 2013) ha fissato la decorrenza degli obblighi di utilizzo della fatturazione elettronica nei rapporti economici con la pubblica amministrazione ai sensi della legge 244/2007 (art.1, commi da 209-214).

A partire dal 31 marzo 2015, l'AVEPA potrà accettare esclusivamente fatture emesse e trasmesse in forma elettronica secondo il formato previsto nell'allegato A (Formato della fattura elettronica) del decreto ministeriale.

Il Codice univoco ufficio è una informazione obbligatoria della fattura elettronica e rappresenta l'identificativo univoco che consente al Sistema di Interscambio (SdI), gestito dall'Agenzia delle Entrate, di recapitare correttamente la fattura elettronica all'ufficio destinatario.

Il Codice univoco ufficio attribuito all'AVEPA, che a decorrere dal 31 marzo 2015 dovrà essere inserito nelle fatture elettroniche emesse in relazione ai contratti in essere, è il seguente:
 

Codice univoco ufficio per AVEPA

UFLISM
 


Segnaliamo inoltre che l'allegato B (Regole tecniche) del decreto ministeriale contiene le modalità di emissione e trasmissione della fattura elettronica alla pubblica amministrazione per mezzo dello SdI, mentre l'allegato C (Linee guida) del medesimo decreto riguarda le operazioni per la gestione dell'intero processo di fatturazione elettronica verso la PA.

Secondo quanto disposto dall'art. 25 del decreto legge 66/2014, al fine di garantire l'effettiva tracciabilità dei pagamenti da parte delle amministrazioni pubbliche, le fatture elettroniche emesse verso la PA devono inoltre riportare:

  • il codice identificativo di gara (CIG), tranne i casi di esclusione dall'obbligo di tracciabilità previsti dalla legge n. 136 del 13 agosto 2010;
  • il codice unico di progetto (CUP), in caso di fatture relative a opere pubbliche.

L'AVEPA rifiuterà pertanto, attraverso il Sistema di Interscambio (SdI), tutte le fatture elettroniche che non riporteranno i codici CIG e CUP corretti, ove previsti e comunicati in occasione della stipula del contratto (o lettera d'ordine).

Tutta la documentazione utile alla predisposizione e trasmissione della fattura elettronica atraverso il Sistema di Interscambio (SdI) è disponibile nel sito www.fatturapa.gov.it.
 

Informazioni
Laura Carnio - Luca Celin
tel. 049 7708248 - 7708763
ragioneria@avepa.it

Pubblicato il: 06.02.2015  -  Ultima modifica: 08.05.2015
Condividi questa pagina:
segnala errore torna su stampa invia e-mail