Dichiarazioni obbligatorie vitivinicole

La protezione comunitaria dei vini con denominazione di origine protetta (DOP) o indicazione geografica protetta (IGP) è attualmente prevista dal regolamento del Consiglio (UE) n. 1308/2013.

La Commissione europea ha adottato dei regolamenti applicativi che hanno specificato delle ulteriori disposizioni sulle denominazioni di origine protette e sulle indicazioni geografiche tipiche nonché sulle dichiarazioni obbligatorie (dichiarazioni di vendemmia, dichiarazioni di produzione e dichiarazioni di giacenza).

La legge 238 del 12 dicembre 2016 prevede la tutela delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche dei vini. A livello nazionale i vini DOP sono distinti tra denominazioni di origine controllata e garantita (DOCG) e denominazioni di origine controllata (DOC), mentre i vini IGP comprendono le indicazioni geografiche tipiche (IGT). Per ogni tipologia di vino DOP o IGP è approvato un apposito disciplinare di produzione.

La conformità dei vini al disciplinare di produzione della DOP o IGP viene verificata da Strutture di Controllo pubbliche o private appositamente riconosciute per ogni denominazione di origine e indicazione geografica sulla base delle informazioni sull'attitudine produttiva dei vigneti riportate nello schedario viticolo gestito da AVEPA.

Ai fini della certificazione della produzione e in applicazione della legge 238 del 12 dicembre 2016, la rivendicazione delle produzioni delle uve e dei vini DO e IG è effettuata annualmente, a cura dei produttori interessati, contestualmente alla dichiarazione di vendemmia e/o alla dichiarazione di produzione prevista dal regolamento (UE) n. 2018/273, sulla base dei dati dello schedario viticolo.

Nella rivendicazione delle uve va considerata la resa massima di uva ad ettaro stabilita dal disciplinare della DO/IG che si intende rivendicare, tenendo conto anche della percentuale della produzione massima rivendicabile ad ettaro, con riferimento ai primi cicli vegetativi della vite, stabilita dalla specifica determinazione del competente Consorzio di tutela, o in sua assenza, dalla Deliberazione della Giunta regionale n. 1232 del 15 luglio 2014.

Il modello della dichiarazione di vendemmia, rivendicazione delle produzioni delle uve e la dichiarazione di produzione del vino è unico e va presentato ad AVEPA attraverso gli appositi moduli informatici previsti, mentre la dichiarazione di giacenza va presentata ad AGEA.

In merito alla presentazione delle dichiarazioni obbligatorie per la campagna 2018/2019 (a seguito della adozione della adozione del decreto n. 11106 del 14 novembre 2018 e della Circolare Agea n. 95684 del 07 dicembre 2018):

  • le dichiarazioni di vendemmia e rivendicazione delle produzioni DO/IG devono essere presentate entro il 17 dicembre 2018;
  • le dichiarazioni di produzione vinicola devono essere presentate entro il 17 dicembre 2018.

I soggetti che hanno già presentato entro il 15 novembre 2018, la dichiarazione di vendemmia e rivendicazione delle produzioni DO/IG, dovranno presentare una dichiarazione di rettifica per la compilazione delle schede relative agli eventuali acquisti ed alla produzione vinicola entro il 17 dicembre 2018.

Per maggiori informazioni sulla compilazione e la presentazione delle dichiarazioni si rinvia alla specifica documentazione contenuta nella sezione Manuali e procedure.

 

Informazioni
Gianni Pagin
Tel. 049 7708768
vitivinicolo@avepa.it

 

 

Pubblicato il: 14.05.2014  -  Ultima modifica: 04.07.2019
Condividi questa pagina:
segnala errore torna su stampa invia e-mail