Azione 3.5.1

Interventi di supporto alla nascita di nuove imprese sia attraverso incentivi diretti, sia attraverso l'offerta di servizi, sia attraverso interventi di micro-finanza

Le tipologie di intervento all'interno di questa azione sono volte, quindi, a supportare le imprese (in particolare femminili, giovanili e a contenuto sociale, culturale, creativo e dello spettacolo, naturalistico) durante la fase di avvio dell'attività mediante:

  • acquisizione di servizi qualificati di sostegno alla nascita, consolidamento,
  • espansione e aggregazione (anche attraverso la promozione di forme di aggregazione) di nuove imprese, (es. servizi a supporto della creazione di business model per le start up; due diligence; servizi a supporto dell'innovazione organizzativa; ecc.);
  • acquisizione di servizi di consulenza tecnologica, manageriale e strategica mirati a specifici progetti di sviluppo aziendale, anche attraverso l'impiego di figure manageriali a carattere temporaneo (temporary manager);
  • sviluppo di progetti strategici e innovativi, definizione e attuazione dei piani di
  • investimento (con incentivi diretti all'acquisto di beni materiali e immateriali) e assistenza nelle fasi di nascita, consolidamento, espansione e aggregazione di start-up.

La Regione del Veneto ritiene che, per il successo dell'azione, sia essenziale operare su due differenti livelli: nel primo livello, la Regione favorisce la nascita delle nuove PMI attraverso incentivi diretti e l'offerta di servizi, mentre nel secondo livello il sostegno alle imprese passa attraverso incentivi (contributi a fondo perduto) all'aggregazione con interventi mirati ad attivare e consolidare relazioni tra le neonate imprese attraverso la messa in comune di funzioni di impresa (o parti di essa) che risulterebbero troppo onerose per la singola unità aziendale, soprattutto in fase di avvio. A tal proposito, particolare attenzione verrà posta alla valorizzazione di incubatori/acceleratori (che possono essere anche luoghi non fisici ma aggregatori di idee), in grado di favorire la nascita di luoghi di aggregazione di nuove imprese, anche su nuove basi organizzative quali, ad esempio, le imprese riunite nella compagine sociale di società di capi italia controllo congiunto. Gli incubatori, pertanto, possono nascere intorno ad aziende che fungano da capofila verso nuove imprese; questo nell'intento di strutturare e stabilizzare i rapporti cooperativi tra le imprese del territorio.

I territori ammissibili ai finanziamenti sono quelli della Regione.

I beneficiari sono le PMI.


DGR. n. 1584 del 03 ottobre 2017

Apertura bando: 30 ottobre 2017, ore 10:00

Chiusura bando: 16 novembre 2017, ore 18:00

Dotazione finanziaria: 4.500.000,00 euro

Pubblicato il: 13.10.2017  -  Ultima modifica: 17.10.2017
Condividi questa pagina:
segnala errore torna su stampa invia e-mail